Il Papa Francesco contro l’usura/l’interesse bancario

L’usura é un male antico che come un serpente, strangola le vittime.

L’usura é la base degli attuali sistemi bancario e monetario.

USURA serpiente

La notizia del “Papa: l’usura umilia e uccide” dello scorso 3 febbraio 2018, non puó dimenticarsi http://www.vaticannews.va/it/papa/news/2018-02/papa-francesco-udienza-consulta-nazionale-antiusura-.html assieme al breve video nel quale il Papa rimarca: “è un male antico che, come un serpente, strangola le vittime.  https://www.youtube.com/watch?v=9agip-nb8VQ

Riporto questa parte del suo discorso: Recuperiamo uno stile di vita sobrio:
Per prevenire questa piaga, bisognerebbe sottrarre “le persone alla patologia del debito fatto per la sussistenza o per salvare l’azienda”, educando “ad uno stile di vita sobrio, che sappia distinguere tra ciò che è superfluo e ciò che è necessario”. Alla base delle crisi economiche, infatti, c’è sempre una “concezione di vita che pone al primo posto il profitto e non la persona”. Ma in nome del denaro, aggiunge Papa Francesco, “non si possono uccidere i fratelli”. Così le pubbliche istituzioni dovrebbero mettere al centro delle politiche economiche “la dignità umana, l’etica, la solidarietà e il bene comune”, disincentivando “strumenti che, direttamente o indirettamente, sono causa di usura, come ad esempio il gioco d’azzardo”.

Proprio per riflettere su come poter disincetivare gli strumenti che sono la causa dell’usura, cito dal sito de “I professori della Storia della Chiesa” la prima pagina de “I Monti di Pietá” principalmente fondati e promossi dal mio concittadino: il Beato Bernardino da Feltre: http://www.storiadellachiesa.it/glossary/monti-di-pieta-e-la-chiesa-in-italia
“Dalla seconda metà del XIII secolo in molti piccoli e grandi centri urbani funzionavano uno o più banchi di prestito gestiti da ebrei regolarmente “condotti”. La “condotta” era l’autorizzazione ufficiale ad aprire un banco a condizioni concordate con le autorità cittadine. Tali condizioni prevedevano un tasso di interesse fra il 20 e il 30%, la definizione dei termini per la restituzione e il rispetto delle consuetudini ebraiche in fatto di giorni di festa e di regole alimentari. “

“… nelle città dell’Italia centrale e settentrionale a partire dagli anni Sessanta del XV secolo. La necessità alla quale il Monte intendeva dare risposta era quella di credito a basso tasso di interesse o comunque a condizioni tali da consentire a quanti si collocavano al limite della sopravvivenza personale e famigliare di far fronte a urgenze senza peggiorare ulteriormente la loro situazione.” 

“A segnare la differenza con il prestito dei banchieri privati era in primo luogo il tasso di interesse che nel caso dei Monti ammontava al 5% annuo ma più di un Monte, almeno nel periodo delle origini, non esigeva alcun interesse nel nome del principio evangelico “Mutuum date nihil inde sperantes” (Luca 6,35). Un’altra differenza era costituita dalla predeterminazione della tipologia di clienti da parte del Monte, diversamente dai banchieri privati che non indagavano qualità sociale e origine del cliente e meno che mai si occupavano dell’uso del denaro concesso.”

Usura é la parola appropriata a quello che comunente ed in economia denominiamo un alto interesse, ossia superiore al 20% circa.
Interesse, che nonostante ci venga presentato come la caratteristica apparentemente benigna del nostro sistema monetario dominante,  cosi viene destritto da Bernard Lietaer:
“Anche se le implicazioni complete dei prestiti che creano il nostro denaro vengono comprese di rado, i loro effetti sulla società sono pervasivi e molto forti.
Ci sono tre conseguenze generate dall’applicazione dell’interesse/usura quale caratteristica insita nel nostro sistema monetario: (1) incoraggia la competizione sistematica tra i partecipanti del sistema; (2) impone il bisogno continuo di crescita economica; e (3) concentra la ricchezza trasferendo il denaro da una vasta maggioranza ad una piccola minoranza.”
http://www.lietaer.com/2010/01/quali-sono-i-tre-effetti-principali-delle-monete-che-si-basano-sullinteresse 

Come quindi poter essere in contrasto con il pontefice: l’usura umilia e ammazza ossia l’interesse é la causa de: la competizione, il bisogno di crescita perpetua, e di un’incessante concentrazione di ricchezza. Effetti non quindi dovuti solamente al modello economico capitalista, perché é possibile vivire in un modello economico socialista ma con lo stesso strumento capitalista ossia el dinero usurero. Il fallimento degli ultimi 20 anni in America Latina é l’esempio perfetto.

Un altro Papa, il bellunese Giovanni Paolo I aveva provato a far chiarezza sullo IOR il Banco Vaticano… cosa che molto probabilmente é stato un movente del suo avvelenamento dopo solamente 33 giorni di pontificato, il 28 settembre 1978. https://it.wikipedia.org/wiki/Morte_di_Giovanni_Paolo_I e http://www.lastoriavariscritta.it/papa-luciani-il-papa-scomodo.

Il tema dell’usura e dei suoi nascosti effetti deve diventare di importanza nazionale ed internazionale, dal 19 febbraio 2015 infatti esiste, in maniera non ufficiale, la “Giornata internazionale contro la usura” da svolgersi tutti i seguenti 19 febbraio.
Ci sono ancora speranze nel poter aiutare la maggioranza delle persone, nonostante la netta vittoria di questi secoli delle banche ebraiche contro i Monte di Pietá che sono stati totalmente trasformati da come li aveva concepiti il nostro Beato Bernardino da Feltre, denominato il Piccolino.
La trappola criminale del denaro Fiat nella quale siamo caduti dal 15 agosto del 1971 con la fine degli accordi di Bretton Wood con la conseguente impossibilitá della conversione in oro dei Dollari americani, puó permette anche qualcosa di buono: qualunque persona o gruppo puó infatti creare il proprio dinero fiduciario, a farlo funzionare saranno le persone che lo accettano.  Con la indipenenza di poter deciderne il funzionamento di creazione e distribuione, possiamo tornare a dare al denaro anche la funzione sociale di prestarlo a tassi bassisimi o anche gratuitamete, senza dover ufficialmente fondare un istituto di credito.

Le tante monete sociali, comunitarie, alternative che sono sorte in questi anni dovute alla scarsitá di monete “nazionali” per il suo alto costo, hanno questa enorme potenzialitá se pero viene capita, rispettata e voluta dalla comunitá.

Dall’estate 2011 non sono infatti tornato a lavorare nella stagione turistica a Siena, ma ho scelto di fermarmi tutto l’anno e non solo i mesi invernali in Messico, per dedicarmi a cercare di capire il denaro ed il suo “magico” funzionamento, per dare un beneficio comunitario come volontá della nonnetta Antonietta!

Oaxaca de Juárez, Oaxaca, Messico, 26 febbraio 2018

Versione non definitiva, con possibili variazioni nei prossimi giorni.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s